HomeCronacaGreen Pass: dalla toilette al drink bevuto al banco, ecco tutte le...

Green Pass: dalla toilette al drink bevuto al banco, ecco tutte le regole

A 48 ore dall’ingresso in vigore del decreto, tra i professionisti dell’ospitalità regna il caos in tema Green Pass. Così come tra i clienti, a dirla tutta.

Green Pass, tutto quello che dovete sapere

SOMMINISTRAZIONE AL BANCO: CONCESSO IL COCKTAIL IN PIEDI 
Non solo potete servire il caffè al bancone, ma pure somministrare un drink a chi è senza Green Pass. “Il decreto non specifica che cosa si possa consumare, né per quanto tempo. Si presuppone che un cliente in piedi non indugi troppo lungo al banco, ma non ci sono leggi in merito.  Dopodiché, se il titolare del locale volesse imporre ulteriori misure restrittive è libero di farlo”, chiarisce Aldo Cursano, vicepresidente vicario di Fipe-Confcommercio.

green passTOILETTE ACCESSIBILE O NO?
Forse è il dubbio più diffuso. “Senza Green Pass i clienti possono usare la toilette?”. Affermativo. Anzi: il locale pubblico deve garantire il servizio di toilette.

ORDINAZIONI E TAKE AWAY NEI BAR E RISTORANTI
Senza Green Pass non si può consumare seduti al tavolo, ma è concesso entrare per ordinare o consumare in piedi al banco. “Il cliente ha diritto di entrare nei locali per ordinare il cibo da asporto anche se privo di certificazione verde”, ricorda Cursano.

Il decreto dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 6 ottobre.
Probabilmente nel passaggio parlamentare il provvedimento subirà modifiche più o meno importanti. In ogni caso, a settembre, le norme in vigore saranno esattamente quelle contenute nel testo pubblicato ora nella Gazzetta Ufficiale.

SCARICA IL TESTO DEL DECRETO LEGGE 111 del 6.08.2021

Nicole Cavazzuti
Mixology Expert è giornalista freelance, docente e consulente per aziende e locali. Ha iniziato la sua carriera con il mensile Bargiornale e, seppur con qualche variazione sul tema, si è sempre occupata di bar, spirits e cocktail. Oggi scrive di mixology e affini su VanityFair.it e Il Messaggero.it. Chiamata spesso come giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo master di Spirits and Drinks Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato del nostro ApeTime Magazine. Per 15 anni è stata la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, organo di stampa della FIPE, per il quale ha ideato diverse rubriche, tra cui il tg dell'ospitalità (Weekly Tv) e History Cocktail, ancora attive e oggi in mano agli ex colleghi di redazione.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato