HomeFoodLa dieta mediterranea è di nuovo a rischio di esser screditata

La dieta mediterranea è di nuovo a rischio di esser screditata

A settembre il comitato “etichettatura alimentare” del Codex Alimentarius (Fao) riattiverà la discussione sull’adozione di linee guida per l’etichetta nutrizionale di cui sono sostenitrici le grandi multinazionali e che penalizzerebbe eccessivamente tanti prodotti mediterranei in particolare.

Entro il 2022 anche la Commissione Europea dovrà presentare una proposta sul tema.

Sull’argomento si è espresso recentemente il presidente della Coldiretti Ettore Prandini:

No al bollino rosso sui prodotti della Dieta Mediterranea – ha detto – che dall’Europa al Sudamerica fino all’Oceania rischiano di essere ingiustamente diffamati da sistemi di etichettatura ingannevoli che, sotto il pressing delle multinazionali, sostengono modelli alimentari sbagliati che mettono in pericolo la salute dei cittadini, ma anche il sistema produttivo di qualità del Made in Italy a partire dai piccoli agricoltori”.

Questa di realizzare etichette che danno giudizi alimentari sui prodotti è una tendenza che in diversi stati sta prendendo piede. Ha iniziato la Francia realizzando il nutriscore poi allargatosi a Belgio e Germania (per decisione dei rispettivi governi), ma anche in Portogallo, Austria e Slovenia (qui adottato dalle grandi multinazionali alimentari). In Gran Bretagna è operativo un sistema simile mentre in Spagna, paese mediterraneo come l’Italia, l’adozione di un simile sistema è oggetto di un acceso dibattito; in Sud America invece un bollino nero sconsiglia già l’acquisto di prodotti come il Parmigiano, il Gorgonzola, il prosciutto.

Troppo semplicistico, secondo Coldiretti, questo sistema di bollini e semafori che basandosi sulla presenza di determinate sostanze calcolate su 100 grammi di prodotto, finisce per svantaggiare prodotti tipici e genuini, favorendo invece prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nemmeno nota la ricetta.

Per il presidente della Coldiretti Ettore Prandini se si continuasse su questa strada sarebbe “un grave danno per il sistema agroalimentare italiano proprio in un momento in cui questo potrebbe essere l’elemento di traino per far crescere la presenza del Made in Italy sui mercati stranieri”.

Redazione ApeTimehttps://www.apetime.com
ApeTime è un sistema di portali digitali e profili social dedicati a Bar, Ristoranti e Hotel che propongono Cocktail, Aperitivi, Food, Beverage, Hospitality e a tutte le aziende fornitrici del settore Ho.Re.Ca. Un'esperienza a tutto tondo nel mondo degli Aperitivi e dei Cocktail. Una mappa geolocalizzata dove trovare tutti i migliori Bar e Locali d'Italia, in cui andare a divertirsi la sera o a bere un buon caffè durante il giorno. Una Rivista digitale dedicata al mondo del Food & Bevarage, della Mixology e del settore Ho.Re.Ca, questo ed altro su ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato