HomeCocktail RicetteCanchanchara, storia e ricetta del cocktail più antico di Cuba

Canchanchara, storia e ricetta del cocktail più antico di Cuba

Canchanchara. Non è uno scioglilingua, ma il nome di un cocktail. Antico, della categoria Sour, di origine cubana.

Un passo indietro.
In Italia è poco diffuso, eppure il Canchanchara è il cocktail più antico di Cuba.
E come sempre accade quando si parla della preistoria della mixology, il drink è nato con la funzione curativa.
Per la precisione, per rinvigorire e proteggere dalle malattie gli uomini impegnati nella guerra d’indipendenza dell’isola.

canchanchara cocktail
Al Flores Cocteles di Milano viene fatto con il raffinato Rum Eminente, lime e miele di Manuka. Foto di @questoilmassimo per Flores

Ricetta del Canchanchara

Bicchiere:
Tumbler basso o “vaso” in terracotta
Ingredienti:
60 ml di aguardiente o rum cubano
3 cucchiaini di miele
30 ml di succo di lime
Il consiglio:
La ricetta originale prevede di inserire tutti gli ingredienti nel bicchiere contemporaneamente per poi mescolarli. Meglio però, prima di versare gli ingredienti nel bicchiere,  preparare un honey mix di 60% di miele e 40% di acqua, per avere il miele già stemperato ed evitare di trovarlo sul fondo del bicchiere.

DAL CANCHANCHARA AL DAIQUIRI, DUE COCKTAIL A BASE RUM
Un altro drink sinonimo di Cuba è il Daiquiri. Qui sotto, la ricetta di una versione eccellente di Stefano Urru, titolare del Why Not Cocktail Lab di Merano.

lady cocktail daiquiri urruLady Cocktail Daiquiri di Stefano Urru
Tecnica:

Shake and Strain
Bicchiere:
Coppetta
Ingredienti:
4,5 cl Trois Riveres Rum

3 cl Savanna Herr White Rum
2 cl lime
1,5 cl zucchero liquido

LEGGI ANCHE
Nicole Cavazzuti
Nicole Cavazzuti
Mixology Expert è giornalista freelance, docente e consulente per aziende e locali. Ha iniziato la sua carriera con il mensile Bargiornale e, seppur con qualche variazione sul tema, si è sempre occupata di bar, spirits e cocktail. Oggi scrive di mixology e affini su VanityFair.it e Il Messaggero.it. Chiamata spesso come giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo master di Spirits and Drinks Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato del nostro ApeTime Magazine. Per 15 anni è stata la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, organo di stampa della FIPE, per il quale ha ideato diverse rubriche, tra cui il tg dell'ospitalità (Weekly Tv) e History Cocktail, ancora attive e oggi in mano agli ex colleghi di redazione.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato