HomeEventiCibus 2021, a Parma dopo 18 mesi torna la fiera in presenza....

Cibus 2021, a Parma dopo 18 mesi torna la fiera in presenza. Le novità

È la prima fiera in presenza da marzo 2020. Parliamo di Cibus, Salone Internazionale dell’Alimentazione in programma a Parma dal 31 agosto al 3 settembre.

Inutile dirlo, Cibus quest’anno assume un significato diverso. La fiera del settore agroalimentare dedicata al Food Made in Italy rappresenta una speranza per tutto il settore delle manifestazioni, il più colpito dalla pandemia, nonché per il mondo dell’ospitalità. Per questo è ancora più attesa.

Cibus 2021 Parma

Che cosa aspettarsi?

Intanto, ben 2000 aziende presenteranno i loro prodotti, incluse la bellezza di 500 novità. Dagli spaghetti con estratto di spirulina ai sedanini con lenticchie rosse, dal pecorino con lo zafferano ai sughi pronti ma senza conservanti per arrivare alla cialda di caffè compostabile.

Tanti i convegni, come molti i temi affrontati a partire dalla sostenibilità ambientale fino alle idee per ripartire al meglio. Come di consueto, poi, saranno diverse le aree tematiche. Tra le altre, segnaliamo Food Innovation Start up dedicata all’innovazione e agli eventi di networking e business, l’area dei birrifici artigianali nata dalla collaborazione tra Cibus, Unionbirrai e Birranostra e l’area Ho.Re.Ca The HUB dedicata a bar, ristoranti.

Ma non basta. Già, la fiera sconfina in città. Ecco quindi pure uno spazio di intrattenimento chiamato Cibus After e due aree riservate a eventi gastronomici e musicali in centro sotto il nome di Cibus Off: Portici di grano (dal 29 agosto al 5 settembre) e Village al Borgo delle Cucine (dal 3 al 5 settembre).
Nicole Cavazzuti
Mixology Expert è giornalista freelance, docente e consulente per aziende e locali. Ha iniziato la sua carriera con il mensile Bargiornale e, seppur con qualche variazione sul tema, si è sempre occupata di bar, spirits e cocktail. Oggi scrive di mixology e affini su VanityFair.it e Il Messaggero.it. Chiamata spesso come giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo master di Spirits and Drinks Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato del nostro ApeTime Magazine. Per 15 anni è stata la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, organo di stampa della FIPE, per il quale ha ideato diverse rubriche, tra cui il tg dell'ospitalità (Weekly Tv) e History Cocktail, ancora attive e oggi in mano agli ex colleghi di redazione.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato