HomeCocktail RicetteCocktail ricetta: un twist del Gin Basil Smash blu con note d'agrume

Cocktail ricetta: un twist del Gin Basil Smash blu con note d’agrume

Un Gin Basil Smash blu. Si chiama Blue Basil ed è un drink fresco, appariscente, facile da preparare e da bere.

gin basil smash bluGin Basil Smash Blu

Si prepara come il drink classico
Tecnica:

Shake and Strain
Ingredienti:
50 ml Gin Aqva di Gin Agrumata
10 ml Curaçao
10 ml succo di limone
Foglie di basilico

GIN BASIL SMASH CLASSICO

Storia:
Nato nell’estate del 2008 grazie a Jörg Meyer al Le Lion Bar de Paris, ad Amburgo, all’inizio era stato chiamato Gin Pesto. La prima volta che la ricetta del drink viene diffusa è per la precisione il 10 luglio 2008, giorno in cui lo stesso barman ne parla sul suo blog. Il successo è arrivato subito anche a livello internazionale e il cocktail è entrato nei menù di tutto il mondo con il nome di Gin Basil Smash.
Consigli:
Come farlo al meglio? Ci risponde lo stesso Jörg: “Non temete di eccedere con il basilico. In questo caso è meglio troppo, che non abbastanza”. Il colore verde risulta più acceso se lo pestate con il muddler, piuttosto che shakerarlo.

Il Gin Basil Smash ideato dal bartender tedesco Jorg Meyer si versa in tumbler basso con ghiaccio. Ma Michele Artuso, che abbiamo incontrato quando era barman al Caffè Griz di Spilimbergo, lo serve in coppetta. Noi lo preferiamo così, meno diluito!

gin basil smash

La ricetta del Gin Basil Smash in coppetta

Tecnica:
Shake and Strain

Bicchiere:
Coppetta

Ingredienti:
60 ml gin Opificium
22,5 ml succo di limone fresco
10 ml sciroppo di zucchero
12 foglie di basilico
Preparazione:
Pestare leggermente le foglie di basilico. Nello shaker già colmo di ghiaccio, versare tutti gli ingredienti e agitare con vigore. Versare in un tumbler basso

Garnish:
Decorare con una foglia di basilico

gin basil smashLEGGI ANCHE… -clicca sui titoli-

Nicole Cavazzuti
Mixology Expert è giornalista freelance, docente e consulente per aziende e locali. Ha iniziato la sua carriera con il mensile Bargiornale e, seppur con qualche variazione sul tema, si è sempre occupata di bar, spirits e cocktail. Oggi scrive di mixology e affini su VanityFair.it e Il Messaggero.it. Chiamata spesso come giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo master di Spirits and Drinks Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato del nostro ApeTime Magazine. Per 15 anni è stata la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, organo di stampa della FIPE, per il quale ha ideato diverse rubriche, tra cui il tg dell'ospitalità (Weekly Tv) e History Cocktail, ancora attive e oggi in mano agli ex colleghi di redazione.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato

[adrotate group="2"]