HomeLiquore - DistillatoAntica Bottega 1934, l'unico vermouth affumicato. Che spopola a Montecarlo

Antica Bottega 1934, l’unico vermouth affumicato. Che spopola a Montecarlo

Antica Bottega 1934 è il primo e unico vermouth affumicato al mondo. Un “premium smoked vermouth” concepito e realizzato dal bartender milanese Fabio Cesareni, che ha voluto creare un prodotto che si prestasse in particolare a dare una nota originale ai cocktail più classici.

A dispetto del nome (“pensato come omaggio a una piccola attività avviata negli anni ’30 da una persona a me cara, dalla quale ho ripreso anche l’immagine del gufo portafortuna riprodotta sull’etichetta”, spiega l’ideatore), Antica Bottega 1934 è stato lanciato poco più di un anno fa con una piccola “tiratura” iniziale, che ha ottenuto i favori degli addetti ai lavori (non solo della mixology).

Fabio Cesareni

Il colore è dorato, come quello dei vermouth “storici”, la base è un vino Cortese piemontese aromatizzato, tra l’altro, con vaniglia, cannella, fiori di sambuco, mentuccia, pepe di cubebe, camomilla; l’affumicatura avviene su legno di faggio, dopodiché il prodotto va in botte per 41 giorni prima di essere imbottigliato e distribuito nel canale Horeca, in cui si colloca nella fascia premium (al prezzo di 24 euro più Iva).

“Pensato per la mixology classica, piace anche liscio”

“Antica Bottega 1934 è il frutto di un’idea coltivata in vent’anni di lavoro come bartender”, racconta Fabio Cesareni: “Quella di realizzare un prodotto dal gusto affumicato dedicato ai cocktail classici della golden age degli anni ’20/’30: se per un Boulevardier bastava sostituire il bourbon con uno scotch Laphroaig dalle note torbate, per molti altri drink – dall’Hanky Panky al Reverse Manhattan, fino al Martinez – sarebbe stato ideale disporre di una versione affumicata del vermouth, ingrediente principe nella mixology di quel periodo. Così ho elaborato la ricetta, con la quale nel 2021 ho conquistato la vittoria nella competizione ‘Crea il tuo Spirito’ di The Spiritual Machine“.

A premiare Cesareni, Fulvio Piccinino, massimo esperto di vermouth in Italia, che ha poi collaborato con il bartender nella messa a punto del lancio del prodotto sul mercato. “Fulvio mi ha confidato che la mia proposta, con il suo aroma così particolare, potrebbe contribuire fra l’altro a rilanciare il consumo di vermouth liscio in Italia. E in effetti, nonostante sia stato concepito per la mixology, tanti ristoranti me lo chiedono per servirlo liscio nel dopocena, incontrando in particolare il gusto femminile”.

Ma non solo: “Proprio la settimana scorsa è entrato a far parte del menu degustazione del ristorante dell’Hotel President di Pompei, una stella Michelin, scelto dallo chef Paolo Gramaglia per accompagnare l’entrée di crudité. Una soddisfazione enorme”.

Un prodotto esclusivo che ha conquistato Montecarlo

Ora Cesareni è impegnato nella promozione del suo vermouth affumicato: prossimo appuntamento domenica 24 marzo con l’evento “I cocktail segreti del Proibizionismo”, sulla terrazza del Miramar Hotel di Montecarlo, dove peraltro Antica Bottega 1934 è presente già da un anno anche nella bottigliera del bar del casinò. “Grazie a un distributore locale, il prodotto ha avuto un’ottima accoglienza nel Principato e in Costa Azzurra, dove il fattore più importante non è il prezzo ma l’esclusività“. Lo stesso fattore che ne ha favorito la diffusione anche in locali prestigiosi di Milano come Nobu. “E ora punto alla distribuzione in tutta Italia e, perché no, in Albania, dove il mio vermouth ha riscosso un grande successo nel corso di una masterclass al Nouvelle Vague di Tirana, organizzata grazie alla collaborazione con il 1930 di Milano”.

Niente fiere, invece, almeno per il momento: “Per questa iniziativa – puntualizza con orgoglio Cesareni – non ho chiesto un euro in prestito alle banche, ho aperto l’azienda nel 2022 vendendo la mia Mercedes SLK cabrio. Ora giro felicemente in Smart e i primi ritorni li reinvesto nella produzione e in qualche attività di marketing sui social. Devo dire, comunque, che questo vermouth si promuove da solo nel momento in cui si apre la bottiglia, lo si annusa e lo si assaggia”.

Praticamente esaurito il lotto iniziale di 6mila bottiglie, a breve l’imbottigliamento riprenderà con numeri più sostenuti, ma intanto il suo creatore sta elaborando la ricetta della versione “riserva”: “Si chiamerà Antica Bottega Old Owl (vecchio gufo) e sarà una produzione limitatissima”.

Leggi anche:

Gin, vermouth e amaro: torna lo storico marchio Ballor. Ma non per tutti…

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato