HomeCronacaGreen Pass: dalla Chiesa al bus, fino ai disoccupati. Chi non ha...

Green Pass: dalla Chiesa al bus, fino ai disoccupati. Chi non ha l’obbligo

Dal 15 ottobre fino al 31 dicembre il green pass sarà obbligatorio per molti. Ma non per tutti…

Il vaccino parrebbe la strada per convivere con il Covid. Ragionevole prospettiva, anche se non è una certezza. Dobbiamo crederci.
Ma il Green Pass fa acqua da tutte le parti. Imposto con l’obiettivo di indurre gli indecisi a vaccinarsi, potrebbe apparire a prima vista una ragionevole strategia. In realtà, questo decreto non è democratico e non tiene conto dei diversi milioni di italiani che restano esenti dall’obbligo. Ops. Stiamo parlando di obbligo. Ma non doveva essere una libera scelta?

Tra chi non avrà bisogno del green pass ci sono i pensionati, gli inattivi e i disoccupati. I nulla facenti sono ben 15 milioni e passa, tra 13,5 milioni di inattivi e 2,3 milioni di disoccupati. Certo, anche loro devono presentare la carta verde per accedere a musei, cinema, teatri etc, ma non per entrare in negozi e supermercati. E nemmeno per usufruire delle farmacie.

Più assurdo ancora è che non sia richiesto per muoversi sui trasporti locali, visto che è necessario per sedersi dentro bar e ristoranti!

Non giriamoci intorno: come si fa a controllare i mezzi di trasporto pubblici? Semplice, facendo dei controlli a campione. E multando i disubbidienti. Se si volesse fare, si potrebbe fare.

E ancora…Nessun obbligo per gli alberghi, tranne che nei casi dei ristoranti degli hotel a cui accedono anche i clienti esterni.

Non cito tutti gli italiani esclusi, ma concludo osservando che neppure in chiesa servirà il green pass: i fedeli non dovranno presentare la certificazione verde per partecipare alle messe, pur restando gli obblighi relativi a distanziamento, mascherine e igienizzazione. Evidentemente ….Dio vede e provvede…

GUARDA IL NOSTRO VIDEO SERVIZIO

LEGGI ANCHE

 

Nicole Cavazzuti
Giornalista freelance esperta di distillati and cocktail bar, è la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer e collabora con VanityFair.it e Il Messaggero.it con articoli, video e foto. Giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo corso italiano di Spirits and Drink Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato e spirits del magazine di ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Bartender

Magazine ApeTime

Installa l'APP
×
Translate »