HomeLiquore - DistillatoWhisky italiano: la nuova gamma di Puni, capostipite del made in Italy

Whisky italiano: la nuova gamma di Puni, capostipite del made in Italy

Come da attese, l’ultima edizione del Whisky Festival, a Roma il 24 e 25 febbraio, ha visto fra le novità diversi prodotti italiani, a conferma del crescente interesse per il whisky da parte delle distillerie del nostro Paese.

Una tendenza avviata solo nel 2015 con il lancio dei primi whisky dell’altoatesina Puni, nata nel 2012 attorno a due piccoli alambicchi discontinui in rame realizzati a mano in Scozia. E che, alla rassegna romana, ha presentato le referenze che compongono l’attuale catalogo di prodotti. Tutti di qualità elevata, con prezzi che vanno dai 49,90 ai 179 euro.

Puni Vina

“La linea di prodotti continuativi – spiega Luca Russo, brand ambassador di Puni – è composta da tre referenze misto segale, orzo e frumento, invecchiate in botti non tradizionali“. Una caratteristica, comune a molti whisky italiani, all’origine di profili aromatici innovativi dati da vini e spiriti che hanno riposato in precedenza nelle botti.

Puni Sole

“Nello specifico – continua Russo – abbiamo Gold, invecchiato in botti ex bourbon, un whisky raffinato ed elegante; Sole, con un invecchiamento misto in botti ex bourbon ed ex sherry, è più oleoso, caratterizzato da note tendenti agli agrumi e al miele; Vina, invecchiato in botti ex marsala, si distingue per la maggiore grassezza e le note di pasticceria, liquorose e dolci”.

Puni Aura

Le limited edition

Al vertice della gamma ci sono poi le tirature limitate, che si susseguono anno dopo anno: “Fra le ultime novità Arte, in 4930 bottiglie, un whisky da 48 gradi prodotto da cereale torbato per strascico e invecchiato in botti di merlot. Il top assoluto è rappresentato infine da Aura (910 bottiglie), a gradazione piena (56%), invecchiato 8,8 anni in botti vergini di rovere francese e caratterizzato da una particolare nota mentolata”, conclude il brand ambassador.

L’interno della distilleria Puni

I whisky di Puni vantano una buona distribuzione attraverso una rete di enoteche e negozi specializzati in tutta Italia, ma possono essere anche acquistati sullo shop online del produttore. Oltre che direttamente nella distilleria in Val Venosta, che è tra l’altro visitabile su prenotazione con degustazioni guidate del distillato, anche in abbinamento al cioccolato.

Leggi anche:

Distillation history: Scozia o Irlanda, chi ha inventato il whisky?

Whisky, stanco dei torbati? Prova quelli allo sterco di pecora!

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato