HomeCocktail RicetteCome preparare un Negroni perfetto: i tips di Valerio Bartalini

Come preparare un Negroni perfetto: i tips di Valerio Bartalini

I segreti per preparare un Negroni davvero perfetto? Ce li svela Valerio Bartalini, fondatore, titolare e bar manager di Eleven Cafè a Pisa.

Non a caso, visto che il locale pisano è uno dei più importanti Negroni Club in Toscana, con in lista una varietà di twist di questo classicissimo (clicca qui per la ricetta dell’Acqua del Conte) che è seconda solo al Filippo di Viareggio. Del resto, quello che è oggi – secondo Drinks International – il cocktail più richiesto nel mondo è nato proprio in Toscana attorno al 1919. Quando, lo ricordiamo, il conte fiorentino Cammillo Negroni, nello storico Caffè Casoni di via Tornabuoni a Firenze, chiese una variazione all’aperitivo Americano: al posto del seltz voleva il gin, che aveva imparato ad apprezzare nei suoi viaggi intorno al mondo (per approfondire l’affascinante storia del Negroni, ti suggeriamo il bel libro di Luca Picchi “Negroni cocktail. Una leggenda italiana”).

Cammillo Negroni
Il conte Cammillo Negroni

Rimanendo sulla ricetta classica, la preparazione del Negroni sembra facile, addirittura banale, dato che si tratta di mescolare tre ingredienti in parti uguali. Eppure non è così: bisogna sempre tenere presente alcune regole basilari per evitare di trasformare un ottimo drink in una delusione. Ecco perché abbiamo chiesto a Valerio Bartalini dell’Eleven Cafè di Pisa di svelarci i suoi piccoli “segreti” per realizzare un Negroni perfetto. Eccoli di seguito, con tanto di ricetta ufficiale Iba.

vermout
Negroni

1. Il gin

“Il gin ha un ruolo fondamentale: io di solito utilizzo Tanqueray o Beefeater, che reputo fra i migliori London dry”.

2. Il bitter

“Non ho dubbi: il bitter per preparare il Negroni, per me, è solo Campari (come prevede la ricetta ufficiale Iba, vedi sotto, ndr). Punto”.

3. Il vermouth

“Sul vermouth si può spaziare di più, ci sono diversi ‘sweet’ di ottima qualità. Personalmente lo preferisco un po’ più amaro, quindi scelgo Punt e Mes”.

4. Il ghiaccio

“Spesso ci si dimentica che il ghiaccio non è una componente banale: al contrario, è basilare per la corretta diluizione del Negroni. Quindi solo ghiaccio di ottima qualità, tenendo conto che, se si usa un chunk, avremo una diluzione minore ma anche un raffreddamento più lento rispetto ai normali cubetti”.

Negroni (foto Eleven Cafè)

Negroni, la ricetta Iba

Tecnica:
Build

Bicchiere:
Old fashioned

Ingredienti:
30 ml gin
30 ml bitter Campari
30 ml vermouth rosso

Garnish:
Mezza fetta di arancia

Leggi anche:

Bartalini (Eleven): “Ho portato la mixology a Pisa. E ora vado in Vietnam”

 

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato