HomeVideo - TVSpritz col St Germain. Da Bosco Milano con Alejandro Pellejero

Spritz col St Germain. Da Bosco Milano con Alejandro Pellejero

Intanto, un po’ di storia, Lo Spritz risale ai tempi della Repubblica Serenissima. Ecco una variante fresca ed effetto wow del Bosco Milano.

spritz
ph. Massimo Procopio

Lo Spritz nasce a Venezia, quindi. Ma non era come oggi. All’inizio, infatti, si definiva così una bevanda a base di vino e seltz, senza bitter, che ordinavano i soldati austriaci per stemperare la gradazione alcolica.

Lo Spritz è entrato nella lista IBA nel 2011 ed è stato confermato nel 2020.

La ricetta IBA prevede:
60 ml Aperol
90 ml Prosecco
Top di soda

SpritzNel video scopri invece la variante del Bosco Milano, tra i cocktail best seller del locale.

DA WIKIPEDIA

La Repubblica di Venezia, a partire dal XVII secolo Serenissima Repubblica di Venezia, è stata una repubblica marinara con capitale Venezia. Fondata secondo la tradizione nel 697 da Paoluccio Anafesto, nel corso dei suoi millecento anni di storia si affermò come una delle maggiori potenze commerciali e navali europee.

Inizialmente estesa nell’area del Dogado (territorio attualmente assimilabile alla città metropolitana di Venezia) nel corso della sua storia annesse gran parte dell’Italia nord-orientale, l’Istria, la Dalmazia, le coste dell’attuale Montenegro e dell’Albania oltre a numerose isole del mare Adriatico e dello Ionio orientale. Al massimo della sua espansione, tra il XIII e il XVI secolo, governava anche il PeloponnesoCreta e Cipro, la gran parte delle isole greche, oltre a diverse città e porti del Mediterraneo orientale.

Le isole della laguna di Venezia nel VII secolo, dopo aver conosciuto un periodo di sostanziale aumento della popolazione, si organizzarono nella Venezia marittima, un ducato bizantino dipendente dall’esarca di Ravenna. Con la caduta dell’esarcato e l’indebolimento del potere bizantino sorse il Ducato di Venezia, guidato da un doge e stabilito sull’isola di Rialto, divenne prospero grazie al commercio marittimo con l’Impero bizantino e con gli altri stati orientali. Al fine di salvaguardare le rotte commerciali tra il IX e l’XI secolo il Ducato condusse diverse guerre che gli assicurarono il completo dominio sull’Adriatico. Grazie alla partecipazione alle crociate la penetrazione nei mercati orientali si fece sempre più forte e fra il XII e il XIII secolo Venezia riuscì a estendere il suo potere in numerosi empori e scali commerciali orientali. La supremazia sul mar Mediterraneo condusse la Repubblica allo scontro con Genova che perdurò fino al XIV secolo, quando, dopo esserne uscita vincitrice, Venezia cominciò l’espansione su terraferma.

L’espansione veneziana però portò alla coalizzazione della monarchia asburgica, della Spagna e della Francia nella Lega di Cambrai che nel 1509 sconfisse la Repubblica di Venezia nella battaglia di Agnadello. Pur mantenendo la gran parte dei suoi possedimenti di terraferma, Venezia ne uscì sconfitta e il tentativo di espandere i domini orientali causò una lunga serie di guerre con l’Impero ottomano che si concluse solo nel XVIII secolo con la Pace di Passarowitz del 1718, e che causò la perdita di tutti i possedimenti nell’Egeo. Seppur ancora fiorente centro culturale la potenza veneziana fu definitivamente sconfitta da Napoleone che pose fine alla Repubblica di Venezia nel 1797 con la ratifica del trattato di Campoformio.

LEGGI ANCHE

Nicole Cavazzuti
Giornalista freelance esperta di distillati and cocktail bar, è la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer e collabora con VanityFair.it e Il Messaggero.it con articoli, video e foto. Giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo corso italiano di Spirits and Drink Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato e spirits del magazine di ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Bartender

Magazine ApeTime

Installa l'APP
×