HomeBirraBirre di qualità, come riconoscerle?

Birre di qualità, come riconoscerle?

Come capire se la birra è davvero di qualità? Questa e altre curiosità sull’antica bevanda.

I prodotti brassicoli, come noto, sono fra le bevande più consumate al mondo: il motivo principale è il profilo aromatico che cambia in base alle differenti tipologie pensate per soddisfare il gusto di ciascuno di noi. Esistono oltre 400 tipi diversi di birra, ma questa è solo una delle tante curiosità a riguardo: eccone alcune divertenti che probabilmente non conoscevate!

La prima ‘pubblicità’ dell’antica bevanda risale al 4000a.c.: un’iscrizione su una tavoletta scoperta nei pressi dell’antica città di Ebla (Siria) nel 1974 dall’archeologo italiano Paolo Matthiae parla proprio della produzione di una birra che portava lo stesso nome della città.

La birra doppio malto non esiste: si tratta di un’invenzione della legislazione italiana la quale, per classificare le birre in base al grado alcolico, le ha suddivise in categorie a seconda della quantità di zuccheri presenti nel mosto, pur non essendoci una relazione diretta tra la quantità di zuccheri e il grado alcolico: una birra definita “speciale” può essere più alcolica di una “doppio malto”

Londra fu sommersa da un autentico tsunami di birra: nel 1814 infatti, nella fabbrica Meux, si ruppe una cisterna contenente 1.470.000 litri di birra che inevitabilmente finirono per le strade della capitale inglese distruggendo diverse case ed annegando 9 persone.

La birra idrata la pelle: pur essendo una bevanda gassata, fermentata e ottenuta da luppolo e cereali, la birra però è composta principalmente da acqua, precisamente il 90%: per questo motivo, è stato dimostrato che berla aiuta ad avere una pelle liscia e idratata.

birra hb

Le prime testimonianze storiche sulla produzione della bevanda risalgono a 10mila anni fa. Secondo alcuni studiosi, invece, il nome ‘birra’ deriva dall’antico vocabolo sassone ‘bere’ che significa orzo: altri ricercatori sostengono invece che derivi dal termine latino ‘biber’ che significa bevanda.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva una propria birra: si chiamava White House Honey Ale e veniva prodotta dagli chef della Casa Bianca seguendo una ricetta che prevedeva l’impiego del miele proveniente dagli alveari del giardino della stessa residenza presidenziale americana.

Come forse molti sanno, è vietato bere birra dove è stata inventata: un bel paradosso! L’antica bevanda infatti fu inventata nove mila anni fa in Mesopotamia, territorio dove oggi si trova l’Iran: qui il consumo di prodotti brassicoli è punito con frustate e carcere.

La professione di mastro birraio, inizialmente, era praticata solo dalle donne, un ruolo che col tempo è passato agli uomini soprattutto in Europa:  in Africa invece, come abbiamo avuto modo di raccontare, le donne continuano a svolgere questo lavoro. Oggi però, anche da noi, si sta nuovamente diffondendo il mestiere di mastra birraia.

Qual è la birra più costosa al mondo? Si tratta della Vieille Bon Secours, una rara bionda belga (il cui complesso aroma include note di caramello e caffè con sfumature di liquerizia e anice) che viene venduta solo ed esclusivamente al Bierdrome di Londra dove una bottiglia da 12 litri costa addirittura 780 dollari

Nello spazio la microgravità non permette il consumo di bevande gassate, per questo motivo il birrificio australiano 4 Pines si è messo al lavoro per risolvere il “problema”: la soluzione si chiama Vostok ed è una birra a gravità zero con un basso contenuto di gas.

Nel 2017 è stata commercializzata sul sito VAT19.com, specializzato in regali bizzarri, la cosiddetta Bowser Beer, un drink analcolico dal colore ambrato, al sapore di maiale e malto d’orzo, riservata ai nostri fedeli amici a quattro zampe. Il successo della birra per cani è stato immediato, tanto che le scorte sono andate esaurite in poche ore ed è presto spuntata anche un’agguerrita concorrenza.

birra per cani

In Finlandia, ogni anno, si svolge il Wife Carrying, uno sport in cui un uomo deve trasportare una donna (la moglie) lungo un percorso a ostacoli. Il vincitore, oltre al prestigioso titolo di campione mondiale di Wife Carring, vince una quantità di birra equivalente al peso di lei.

Il birrificio Weihenstephaner, uno dei più rinomati di tutta la Germania e gestito dalla Kloster Weihenstephan, un’abbazia di Frisinga in Baviera, è attualmente il più antico birrificio del mondo ancora funzionante: ha più di 1000 anni essendo stato fondato nel 1040.

Tale Steven Petrosino, inglese, ma residente negli Stati Uniti, il 22 Giugno 1997, si è aggiudicato il Guinness World Record per aver bevuto un litro di birra in 1,3 secondi: Il record è ancora imbattuto e, con ogni probabilità sarà così ancora per parecchio tempo!

Come capire in modo semplice e veloce se il prodotto brassicolo che ci apprestiamo a degustare è davvero di qualità? Basta osservare se la schiuma aderisce al bicchiere e crea i classici merletti di Bruxelles: se questo avviene ciò significa che la birra è davvero di ottima fattura e che il bicchiere è stato ben pulito.

Un altro Guinness World Record che riguarda la birra è stato battuto dal tedesco Oliver Strümpfel nel 2017  quando è riuscito a trasportare ben 29 boccali di birra dal peso di 62kg per 40 metri battendo il suo precedente record di 27 boccali stabilito l’anno precedente.

La maggior parte delle culture del mondo ha una grande varietà di canzoni nei cui testi vengono citate la birra e le bevande alcoliche in generale: in Germania, in particolare, esiste proprio un genere musicale, il Trinklieder, mentre in Giappone sono molto frequentati i karaoke dove si beve e si canta a squarciagola.

CONTINUA A LEGGERE

SCOPRI NUOVI FORNITORI DI BIRRA

Redazione ApeTime
Redazione ApeTimehttps://www.apetime.com
ApeTime è un sistema di portali digitali e profili social dedicati a Bar, Ristoranti e Hotel che propongono Cocktail, Aperitivi, Food, Beverage, Hospitality e a tutte le aziende fornitrici del settore Ho.Re.Ca.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato