HomeEventiLecce Cocktail Week, l'organizzatrice: "Coinvolgeremo tutto il Salento"

Lecce Cocktail Week, l’organizzatrice: “Coinvolgeremo tutto il Salento”

Arriva la seconda edizione della Lecce Cocktail Week, con l’opening party nel bellissimo Palazzo Zimara del 1577.

Per una settimana, il capoluogo salentino sarà la capitale italiana della mixology e dell’aperitivo fra cocktail speciali, guest, masterclass, eventi e quant’altro (clicca qui per i dettagli). E proprio in occasione dell’opening party, Nicole Cavazzuti ha intervistato per ApeTime Francesca Cullen, organizzatrice della Lecce Cocktail Week con la sua N94 Agency, per conoscere tutte le novità e tutto ciò che si nasconde nel “backstage” della più importante cocktail week del Sud Italia.

Francesca Cullen

L’intervista a Francesca Cullen

La Lecce Cocktail Week quest’anno è alla seconda edizione: è stato più difficile organizzare questa oppure quella d’esordio, lo scorso anno?
Certamente quest’anno è stato più facile: possiamo contare sul fatto che molti consumatori e sponsor già conoscono il marchio e la manifestazione, dopo il successo del 2023. Anche se, nella fase organizzativa, abbiamo lavorato di più, per rendere il programma più ricco di eventi.

Qual è la difficoltà più grande da affrontare, nell’organizzazione di un evento come questo?
La cosa più difficile, forse, è stato capire fino a che punto potevamo arrivare. Abbiamo tante idee, tanta voglia di lanciare iniziative, però poi dobbiamo far sì che le cose non ci sfuggano di mano. Così, ad esempio, pur avendo ampliato il programma rispetto all’anno scorso, abbiamo deciso di concentrarci sul coinvolgimento di cocktail bar di un certo livello, che sappiano trasmettere ai clienti la passione per la miscelazione di qualità, piuttosto che allargare eccessivamente la partecipazione.

Chi decide le cocktail list speciali dei bar durante la Cocktail Week? Voi i gli stessi bar?
I bar: una volta che decidono di prendere parte alla Cocktail Week, ognuno si organizza come meglio crede. C’è chi si limita a proporre degli aperitivi speciali, chi ospita guest e masterclass, chi spinge sugli eventi d’intrattenimento, chi sulla musica…

Fra le novità, il coinvolgimento di alcuni locali fuori dal capoluogo.
Sì. Ed è solo l’inizio: anno dopo anno, vorrei allargare sempre di più la manifestazione a tutto il Salento. Comprese le più famose località sul mare.

Stai dicendo che la Lecce Cocktail Week diventerà in futuro la Salento Cocktail Week?
Chissà, vedremo… (ride). Sicuramente, l’intenzione è quella di farla ancora più grande.

Qual è il filo conduttore delle drink list speciali proposte dai locali nel corso della Lecce Cocktail Week?
Ogni locale aderente propone per tutta la settimana una lista di tre cocktail, fra i quali almeno uno che sia legato al territorio. Perché, fra gli scopi della Lecce Cocktail Week, c’è non solo quello di promuovere l’arte della miscelazione, ma anche quello di far conoscere gli ingredienti salentini ai tanti turisti che arrivano qui da tutto il mondo.

Leggi anche:

Fabbri 1905 alla conquista della Lecce Cocktail Week

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato