HomeFood"Cheese": resoconto quattordicesima edizione

“Cheese”: resoconto quattordicesima edizione

Si è conclusa a Bra (Cn) la quattordicesima edizione di Cheese manifestazione dedicata da Slow food ai formaggi prodotti con latte crudo. Erano rappresentati formaggi di tutte le regioni d’Italia e formaggi esteri provenienti da 14 nazioni diverse.

L’evento ha conservato gli ampi spazi che due anni fa erano stati necessari per il Covid, distribuendosi su tutta la cittadina e garantendo un più facile accesso del pubblico. Pubblico che ha premiato gli organizzatori con una grandissima partecipazione a tutti gli appuntamenti in calendario, che erano ben 300 tra cui laboratori del gusto, momenti a tavola, conferenze, aperitivi, proiezioni, e anche visite per scolaresche.

Particolare attenzione è stata posta in questa edizione al ruolo dei pastori: figure chiaramente fondamentali per la produzione del latte e quindi del formaggio.

Una professione che deve essere vista, secondo Slow food, in una maniera più moderna.

Cheese, formaggio

“Il messaggio che ci arriva da questi quattro giorni di incontri – ha detto Barbara Nappini, presidente di Slow Food Italia – è la necessità di cambiare narrativa sul mondo della pastorizia, di vederlo come una prospettiva di progresso, da un punto di vista economico e sociale, sostenendo chi crede e investe culturalmente, politicamente e progettualmente, nel futuro. È tutt’altro che una visione nostalgica o bucolica. Quella del pastore è una professione legata alla tradizione, ma che svolge un servizio ecosistemico in un rapporto di equilibrio tra uomo, animali e natura, oggi quanto mai contemporaneo e indispensabile in un Paese per il 70% composto da aree interne».

Sempre in questa ottica è stato sottoscritto da 30 organizzazioni il manifesto “Salviamo i prati stabili i pascoli e i pastori” che è stato poi consegnato al ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida. Nel corso della fiera inoltre diversi pastori sono intervenuti a raccontare le proprie storie: i produttori degli ultimi nati fra i presidi Slow food, ma anche pastori esteri “resistenti”, alle prese con il dramma della guerra. La fiera si è infine conclusa con l’arrivederci all’edizione 2025 che si terrà dal 19 al 22 settembre.

CONTINUA A LEGGERE

Redazione ApeTime
Redazione ApeTimehttps://www.apetime.com
ApeTime è un sistema di portali digitali e profili social dedicati a Bar, Ristoranti e Hotel che propongono Cocktail, Aperitivi, Food, Beverage, Hospitality e a tutte le aziende fornitrici del settore Ho.Re.Ca.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato