HomeFoodCocktail food pairing, un Negroni "sardo" con i culurgiones. Video

Cocktail food pairing, un Negroni “sardo” con i culurgiones. Video

Lo sappiamo: il Negroni è nato a Firenze fra il 1919 e il 1920, come ha chiarito una volta per tutte Luca Picchi. Però è diffuso in tutto il mondo come simbolo della miscelazione italiana.

Logico che, in ogni regione del nostro Paese, questo drink venga spesso interpretato in maniera più o meno originale e, a volte, accostato a piatti tipici della cucina locale. Per lo meno da quando anche gli italiani hanno iniziato a scoprire il cocktail pairing. Ovvero “quanto è buono il drink insieme con il cibo”.

In particolare, per questo pairing col Negroni andiamo in Sardegna. Sia pure solo virtualmente: fisicamente, in realtà, siamo stati da Frades Porto Cervo a Milano, elegante ristorante-cocktail bar con bottega a pochi metri dal Duomo, “filiazione” dell’omonimo locale con terrazza vista mare in Gallura. Dove respirare aria di Sardegna anche quando si ordina un Negroni nel pieno centro della metropoli lombarda.

Perché qui, il Negroni, pur nel rispetto della ricetta classica, lo preparano con ingredienti esclusivamente sardi: il gin Boigin e il bitter BitteRoma sono della distilleria Silvio Carta, nei dintorni di Oristano, mentre il vermouth mediterraneo Macchia è prodotto in Piemonte, ma da una ricetta isolana con vino ed erbe aromatici sardi e bacche di mirto.

Il pairing Negroni-culurgiones

E l’abbinamento a tavola non può essere che con un piatto della tradizione sarda: i culurgiones, ravioli di pasta ripiena. Che al Frades, per l’aperitivo, propongono in un originale trittico, in versione mignon e arrosto. Uno dall’impasto integrale con all’interno formaggio erborinato e noci, un altro con spinaci e ripieno di caviale di melanzana, l’ultimo con impasto classico così come il ripieno (patate, pecorino e menta). Tutti da intingere in un gazpacho di pomodoro camone.

Un cocktail pairing tipicamente sardo, quindi. Che, per estensione, potremmo prendere come spunto per altri abbinamenti regionali fra Negroni, magari preparato con distillati del luogo, e pasta ripiena, diffusa in forme diverse in molte zone d’Italia.

Leggi anche:

Cocktail food pairing, pizza alla pala e Americano Agricolo: ecco come si fa

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato