HomeLocali - Bar - CocktailbarMilord, fuga dalla movida per bere (davvero) bene a Milano

Milord, fuga dalla movida per bere (davvero) bene a Milano

Ha da poco compiuto 10 anni, il Milord di Milano. Dieci anni in cui è diventato il cocktail bar di riferimento nell’elegante zona di piazza Piola-Città Studi per chi vuole bere bene, ma anche per chi vuole organizzare feste o eventi.

In sella c’è sempre il fondatore e bar manager Cristian Lodi, una vaga somiglianza con George Clooney e una grande passione per distillati e miscelazione (oltre che per i cani da caccia), oggi affiancato al bancone dal giovane (ma preparato) Riccardo Cammi.

In 10 anni il locale si è rinnovato, ma in fondo è rimasto sempre lo stesso: un luogo rilassante, accogliente, fuori dai chiassosi itinerari della movida meneghina. Dove incontrarsi e chiacchierare sulle poltrone e i divanetti dello spazio interno o nel dehors su piazza Bernini. E soprattutto dove bere bene. Davvero bene. La qualità dei cocktail è un punto fermo del Milord, non importa se siano i grandi classici o i signature e twist on classic che compongono una drink list che Cristian Lodi rinnova una/due volte all’anno. Senza mai sbagliare un colpo.

Cristian Lodi

Il segreto? Professionalità, creatività, sensibilità e conoscenza delle materie prime, oltre a una bottigliera di tutto rispetto. E’ sempre un piacere scoprire, tra le altre, inaspettate varianti del Negroni o le variazioni sul tema Martini… Per accontentare tutti, non mancano cocktail analcolici e una curata selezione di vini e birre artigianali. Il tutto da accompagnare magari con taglieri, toast o patatine (quelle buone, non le chips del supermercato).

Non è tutto. Fra i punti di forza del Milord, anche la possibilità di organizzare feste di compleanno o di laurea (il Politecnico e le facoltà universitarie di Città Studi sono a due passi), rinfreschi o eventi privati e aziendali, grazie alla grande sala al piano inferiore, dotata di un secondo bancone. Tutti elementi che hanno permesso a questo locale di conquistare una clientela di tutte le età, ma sempre attenta alla qualità della proposta, dall’aperitivo al dopocena (il Milord è aperto da lunedì a sabato dalle 18 alle 2).

Riccardo Cammi

Vedremo che cosa ci riserverà il Milord nei prossimi 10 anni. Ma di una cosa siamo certi: non resteremo delusi (nemmeno) dalle prossime drink list.

Leggi anche:

Velier Live, a Milano una “città” dedicata a distillati e vini naturali

Stefano Fossati
Stefano Fossati
Redattore del tg Bluerating News, collaboratore delle testate economiche di Bfc Media, di Mixer Planet e naturalmente del Magazine ApeTime.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato