HomeBartenderAperitivo a Venezia: vista mozzafiato al Settimo Cielo

Aperitivo a Venezia: vista mozzafiato al Settimo Cielo

Aperitivo a Venezia, prendete nota: c’è un cocktail bar con una terrazza al… “Settimo Cielo”. Ve lo presentiamo in diretta Facebook mercoledì 12 agosto dalle 18:30

Ma andiamo con calma.
Hotel Bauer Palazzo a Venezia è dotato di due bar: il Bar Canale sempre aperto vanta una stupenda terrazza raso laguna e il Settimo Cielo, stagionale, occupa il rooftop ed ha appena due anni di vita.
Sono entrambi nelle mani di Enrico Fuga, barmanager di Hotel Bauer Palazzo. Che assicura: “Vi offriamo un panorama eccezionale e una proposta di qualità food&beverage pensata per accontentare tutti i palati in ogni momento della giornata”.Con ben 20 anni di esperienza alle spalle e una formazione classica influenzata comunque dalle tecniche della cucina molecolare e dalle opportunità delle nuove tecnologie applicate ai mezzi di lavoro, Enrico Fuga è un nome accreditato nel settore del mondo del bere miscelato veneziano e non solo.Noi di ApeTime lo andiamo a trovare per la prima volta mercoledì 12 agosto per mostrarvi insieme a Enrico Fuga il nuovo Settimo Cielo e assaggiare e raccontarvi i cocktail in carta. Se avete domande per Fuga, è l’occasione buona.

L’INTERVISTA

Enrico, come definiresti la tua drink list?
Furbetta. Nel senso di maliziosa sia dal punto di vista dei costi che della bevuta, il tutto però sempre nel segno della qualità delle materie prime.

Ovvero?
Il mio obiettivo è, da sempre, soddisfare i clienti e al contempo garantire un utile all’attività.
L’emergenza Covid-19 oggi impone di applicare questa strategia anche a chi prima guardava meno il costo di voci come le decorazioni e di quegli ingredienti di breve vita e poco ricercati.
Annullare gli sprechi è importantissimo comunque, però, sempre.
Ecco, io da sempre sono attento a contenere il drink cost e a studiare una selezione di cocktail signature beverini e capaci di incontrare i gusti di tutti, con materie prime eccellenti ma con costi che permettano un utile in linea con gli obiettivi dell’azienda.

Un tuo collega sostiene: “Non è importante il bar ma il bartender, i clienti seguono il barman e non il locale”. Sei d’accordo?
No, a fare il successo di un bar contribuiscono una serie di fattori che vanno dall’ospitalità alla qualità, passando per l’arredo, la musica, l’atmosfera…
In ogni caso, la gente non va dove c’è il barman, va dove sta bene.

LEGGI APETIME MAGAZINE, CLICCA QUI

Nicole Cavazzuti
Mixology Expert è giornalista freelance, docente e consulente per aziende e locali. Ha iniziato la sua carriera con il mensile Bargiornale e, seppur con qualche variazione sul tema, si è sempre occupata di bar, spirits e cocktail. Oggi scrive di mixology e affini su VanityFair.it e Il Messaggero.it. Chiamata spesso come giudice di concorsi di bartending, ha ideato e condotto il primo master di Spirits and Drinks Communication. Da novembre 2019 è la responsabile della sezione bere miscelato del nostro ApeTime Magazine. Per 15 anni è stata la prima firma in ambito mixology del mensile Mixer, organo di stampa della FIPE, per il quale ha ideato diverse rubriche, tra cui il tg dell'ospitalità (Weekly Tv) e History Cocktail, ancora attive e oggi in mano agli ex colleghi di redazione.

Aziende • Prodotti • Servizi

VINO

Dolce Salato

[adrotate group="2"]